É nata a Varese la “pasta non pasta”, sana, ricca di principi nutrizionali e veloce da preparare.

SHARE

La pasta ha la sua storia da raccontare.
Interpretata e proposta in una miriade di modi diversi l’uno dall’altro.

Amica e complice immancabile della tavola. Capace di esprimersi attraverso un ricettario ricco e variegato. Da quello più semplice a quello più complesso, abbracciando le tradizioni culinarie dal nord al sud. E portando con sé il patrimonio culturale di intere generazioni.

Un piatto ricco di racconti ed emozioni a cui è davvero difficile rinunciare.

Di contro, però, le posizioni di dietologi, nutrizionisti e cultori della salute, aprono scenari contrastanti in merito alla “bontà” della pasta, lasciandoci nel dubbio del pasta “sì” o pasta “no”?

Proprio per rispondere a questa domanda, incontriamo Monica Neri.

Chef di talento ed anche esperta nutrizionista, Monica trasmette immediatamente la sua “originalità” in tutto ciò che racconta e che realizza. Per Monica nulla è scontato, tutto può essere migliorato e integrato per arrivare ad ottenere prodotti di eccellenza e con valenze nutrizionali ottimali.

La sua filosofia ha radici bene salde, Monica non vuole solo preparare un buon piatto di pasta ma anche combinare gli ingredienti più salutari e fondamentali per il nostro benessere fisico. E complice anche una sua personale necessità emersa durante la gravidanza (diabete gestazionale), Monica, inizia a sviluppare una nuova ricetta per la preparazione della pasta artigianale.

Studia, sperimenta e sviluppa diverse possibilità ma tutte accomunate da una originale intuizione: i legumi.

Dal legume alla farina – Cottura a vapore

Fino a quando, nel 2015, raggiunge la combinazione perfetta realizzando una una pasta artigianale dal perfetto equilibrio nutrizionale.

Nasce, così, LEGU, una “pasta non pasta” prodotta con farina di soli legumi in proporzione variabile tra ceci, fagioli bianchi e piselli gialli decorticati.
Una vera e propria rivoluzione nel mondo della pasta.

Una vera e propria rivoluzione per tutti i palati più esigenti che non vogliono rinunciare al piacere della pasta ma che per necessità specifiche o semplicemente per benessere fisico limitano l’assunzione delle farine tradizionali.

Tanto da incuriosire anche il maestro “Gualtiero Marchesi” che la propone in abbinamento a ricette creative e semplici utili ad esaltare il sapore stesso della pasta.

 

Paccheri ai fiori di zucca, salmone e zenzero

In effetti, grazie alle sue caratteristiche Legù è un piatto completo per tutti: per i vegani perché contiene solo proteine vegetali, per i celiaci perché non contiene glutine, per i diabetici perché contiene solo 26gr di carboidrati a porzione e per gli sportivi che seguono un piano alimentare ricco di proteine.

Risulta quasi riduttivo chiamarla solo “pasta” tante sono le proprietà nutritive che la caratterizzano ed i criteri qualitativi seguiti per la sua produzione, rigorosamente artigianale.

Tutto il processo avviene in maniera lenta, graduale senza “forzatura” alcuna e nel pieno rispetto della natura e dell’ambiente.

Si parte da un attenta selezione di legumi italiani biologici.

Si prosegue con una dolce cottura a vapore di pochi secondi utile a mantenere intatte tutte le proprietà dei legumi e, renderli, al contempo più digeribili.

Successivamente i legumi vengono essiccati a bassa temperatura ed infine macinati, ottenendo così la farina base per la realizzazione della pasta.

Trafilata al bronzo, con proteine vegetali, senza additivi, ricca di fibre e senza glutine (gluten free), una porzione di Legù (60g) contiene circa 5 g di fibre che corrispondono al 20% del fabbisogno giornaliero di un adulto medio ( LARN- livelli di assunzione raccomandata di nutrienti) 14 g di proteine vegetali e 26 gr di carboidrati.

La pasta Legù è dunque una golosa alternativa alla pasta “tradizionale”. Veloce da preparare, cuoce in soli 2/3 min, ben si presta alla preparazione di ricette creative a base di ingredienti naturali e leggeri. Dalle verdure scottate al pesce (salmone, gamberi, acciughe, vongole, etc..) fino ai pesti al basilico, alle noci, alla rucola o ai pistacchi.

E basterà aggiungere un pizzico di fantasia, per portare in tavola “un piatto sano, buono e nel pieno rispetto del benessere fisico”.

 
Bon appétit!


Valori nutrizionali

I CARBOIDRATI:

una porzione di Legù (60 g) contiene solo 26 g
di carboidrati.

LE PROTEINE:

una porzione di Legù (60 g) contiene 14 g
di proteine vegetali.

LE FIBRE:

una porzione di Legù (60 g)
apporta il 20% del fabbisogno giornaliero di fibre.

Info e collegamenti

Un giorno da Legu

ULTIMI ARTICOLI