SHARE

Si chiama Porta di Basso, il Ristorante aperto nel 2003 da Domenico Cilenti.
Gli ingredienti principali dei suoi menù?
I prodotti biologici e selvatici del Gargano.

“Voglio che la mia cucina rifletta la natura selvaggia e spontanea della mia terra e il clima avvolgente del sud Italia. Voglio creare un’esperienza sensoriale progressiva che ponga l’accento sulla tipicità dei prodotti della nostra regione”  (Domenico Cilenti)

 

Domenico Cilenti, è uno chef di talento che ha fatto della “natura” il suo ingrediente principale, con l’intento primario di esaltare la ricchezza dei prodotti del suo territorio: Il Gargano.

E la sua visione la si percepisce interamente nei  menù di degustazione proposti nel suo ristorante.

Un percorso di  degustazione ampio e variegato, composto da più di venti portate.

Spaziando dal pescato del Gargano agli ortaggi tipici di questa terra,  ripercorrendo la tradizione culinaria del sud Italia con una nuova chiave di lettura volta all’essenzialità.

Il menù degustazione è un vero e proprio viaggio sensoriale: dalla costa del Gargano, ai prodotti della Foresta Umbra fino ad arrivare al Lago di Varano con la sua peculiare tradizione di pesca.

Un esempio, di questa “rilettura culinaria” lo si trova nella “salicornia”. L’asparago di mare che cresce spontaneamente sulle coste dell’Adriatico e che lo chef Domenico Cilenti, abbina con scampi o con zuppe di mare dal sapore agrodolce. Come la zuppetta di fave Carpino con salicornia de “i fiori dell’orto” e seppie, antipasto dedicato a Carlo Petrini, patron di slow food.

O ancora, da alcune portate di “entrée”, come “l’acqua al pomodoro”, servita tiepida. Una sorpresa per il palato per la sua delicatezza ma che accompagnata al pesce, ne esalta il gusto in modo deciso.

Tutto a Porta di Basso, esprime la ricerca e la sperimentazione dello Chef sempre incentrata sulla naturale essenza dei prodotti  biologici, biodinamici o selvatici del territorio.

La cantina, è anch’essa curata.

Abbracciando una selezione di vini di più di 200 etichette del territorio regionale, nazionale ed internazionale.

E se, alla bontà della cucina, aggiungiamo la suggestiva location, non si può far a meno di passare da Porta di Basso per un pranzo o una cena.

I tavoli sulla terrazza a strapiombo sul mare, ci immergono nella bellezza del Gargano e anche all’interno del ristorante, le grande finestre cielo-terra, incorniciano scorci di mare favolosi.

A Porta di Basso, il territorio è in tavola.


Abbiamo degustato

Percorso degustazione pesce:

Battuto di baccalà patate barbabietola
Finta oliva con gambero rosso e pistacchi
Moscardino, cicoriella e datterini, gelatina al limone
Ceviche di sgombro, gazpacho di peperone e burratina
Carpaccio di branzino, carciofini, menta e agrumi
Gambero rosso, salicornia, datterini, capperi e tartare di arancia

 

Primo piatto

Ravioli di pescatrice in brodo di pesce su letto di scampi
Tubetti in zuppetta di ricci e astice scottato

Secondo piatto

Rombo in tempura nera con barbabietola, arancia e melanzana

 

Dessert

Sporcamuss con arancia caramellata

 

Vini

Blanc de noir- Duca D’Ascoli, Foggia

Info e collegamenti

Via Cristoforo Colombo, 38, 71010 Peschici FG

Web site

www.portadibasso.it

Servizio

Aperto dal lunedì alla domenica pranzo e cena

Chiusura: gennaio e febbraio (solo su prenotazione)

 

Porta di Basso on social

On Facebook

On instagram

ULTIMI ARTICOLI